Tag Archives: cani famosi

Neville, il cane buono e bello di Marc

Neville_Jacobs

Neville Jacobs si è ormai guadagnato il titolo di cane più famoso del fashion-system. Seguitissimo sui social per la sua vita super mondana e glamour, è così amato che ora esce addirittura il suo libro-biografia “I’m Marc’s dog”.

A parte lo sguardo da bel tenebroso e il fisico statuario tipico dei bull terrier, la sua fama è dovuta al fatto di essere “figlio d’arte” (suo papà è lo stilista Marc Jacobs). Così, le sue giornate trascorrono tra un set fotografico con super modelle e un party a Soho in suo onore -per l’uscita del libro- o tra i divani dello studio newyorchese e le spiagge rosa di Saint Barth.

Oltre che bello, Neville è anche buono: infatti i proventi delle vendite andranno ad una onlus voluta da papà Marc per i cani bisognosi.

 

FacebookTwitterGoogle+Pinterest

Dogland, ritratti di cani molto mondani

breakfast.tiffany.dogophile

 

Dogland è la prima mostra di Lucy Marshall, illustratrice australiana famosa per i suoi ritratti canini, disegni dal tratto elegante ed ironico che raccontano una vita da cani molto speciale, in stile high-society.

Lucy Marshall è autrice del blog The Dogophile: The Thinking Dog’s Guide to Global Modern Living in cui ritrae i suoi soggetti in situazioni e ambienti tra i più belli e mondani, come l’Harry’s Bar a Venezia o Tiffany a New York. La bionda cockerina rifà il verso allo stile di Audrey Hepburn, nell’interpretazione di Lucy per Colazione da Sniffany.

La mostra Dogland è una galleria di ritratti che s’ispira a mondi diversi, dal cinema alla moda, dallo spettacolo all’arte. Come i disegni ad acquarello intitolati ModoglianiVincent Van DoghUmorismo canino, eleganza e amore per i cani di ogni razza e carattere, tutti di grande fascino.

Da poco inaugurata alla Galleria Flair di Arlès in Provenza,la mostra durerà fino al 25 giugno 2016. Flair è una galleria d’arte con una vocazione “animale” e un cabinet de curiosités con oggetti unici, scelti a tema dalla proprietaria Isabelle e dal suo cagnolino Droopy.

 

 

Harrys.bar.cani

Book of the dog: i cani nell’arte

the_book_of_the_dog“Null’altro che l’amore fa dimenticare al cane la sua primordiale libertà, per diventare il fedele compagno dell’uomo.” (D.H. Lawrence)

L’amore incondizionato per un cane, e la reciproca dipendenza, sono il filo conduttore di questa bella raccolta di immagini e opere di artisti che hanno ritratto i propri amati compagni, e non solo, cogliendo in loro quegli atteggiamenti che solitamente chiamiamo “umani” e che altro non sono che le loro spontanee emozioni. Emozioni animali che ci aiutano a riscoprire le nostre. The Book of the dog, Dogs in Art è un libro dedicato ai cani nell’arte: il migliore amico dell’uomo visto attraverso l’occhio dell’artista. I cani ritratti sono interpreti di momenti quotidiani, come Pluto il levriero di Lucien Freud o Stanley e Boodgie, i bassotti di David Hockney. Soggetti singoli o ritratti di famiglia, come il Principe di Galles con il suo terrier e Lady Troubridge con i suoi bassotti. Dai grandi pittori degli ultimi secoli fino ai giovani illustratori e artisti contemporanei. Questo piccolo volume è una galleria speciale di bellezza, poesia e ironia.

Autore: Angus Hyland, Kendra Wilson

Editore: Laurence King

Anno: 2015

jackrussell book.of.the.dogguel bijouStanley.Boodgie David.Hockney

Cuore di cane

Heart_of_a_Dog

 

 

 

 

 

 

 

 

Heart of a Dog,  letteralmente Cuore di cane, è il film girato dall’artista Laurie Anderson  presentato all’ultima Mostra del Cinema di Venezia. Protagonista è Lolabelle, la cagnolina che è stata compagna di vita di Laurie e di Lou Reed, suo marito. Ed è attraverso i suoi occhi che il film racconta il senso della vita, partendo dal filo conduttore della perdita, dai ricordi dei lutti personali, in un collage di immagini, filmati, disegni: la vita raccontata attraverso l’improvvisa mancanza di qualcuno o qualcosa.

Dallo sguardo della terrier Lolabelle scene di vita newyorchese post 11 settembre, come la passeggiata al parco minacciata dai falchi che simboleggia la paura subita, il terrore arrivato dal cielo, proprio dell’attacco alle torri del World Trade Center. Dalle memorie d’infanzia di Laurie Anderson alle grandi perdite, della madre, di Lolabelle e infine del marito, Lou Reed al quale è dedicato il film. Heart of a Dog è come un diario, un’opera concettuale bografica che racconta ed esplora temi universali come l’amore, la morte, la mancanza, l’immaginazione, con la voce della stessa Anderson narratrice.

Bulli e bullterrier di moda

marc-jacobs-bullterrier

 

 

 

 

 

 

 

 

Un testimonial eccellente si affaccia dalle pagine dei giornali di moda, un profilo importante come solo il muso di uno splendido bullterrier può essere, confermando così la tendenza alla ricerca di nuovi e insoliti “volti” della pubblicità e dell’immagine di moda. Lui è Neville, simpatico bullterrier con l’aria da bullo che, manco a dirlo, è già una star di magazine e social.

Paparazzato per le strade di New York o sulle spiagge di Saint Barth, Neville è avvezzo alla celebrità per via del suo amato genitore umano. Si perché il suo padrone è il fascinoso Marc Jacobs, stilista americano di grande successo, direttore artistico di Louis Vuitton e creatore di diverse linee che portano il suo nome. Per Neville è stato dunque un percorso naturale diventare modello e testimonial per la linea BOOKMARC di Marc Jacobs. Nessuna fatica, qualche coccola in più, e valore aggiunto per gli affari di famiglia.

Marc.Jacobs.cane.Neville.

Musi alla moda

ToastMeetsKaren

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La moda, si sa, cerca sempre nuovi volti.  Modelle, attori, facce nuove… questa volta il testimonial scelto si chiama Toast, ha quattro zampe, un bellissimo pelo dai riflessi rossi (colore del momento a detta dei più importanti hair-stylist) ed è una star del web, con migliaia di fans su Instagram. La stilista neozelandese Karen Walker l’ha scelto per la nuova campagna pubblicitaria della sua linea di occhiali da sole (bellissimi) già amati e indossati da celebrities come Charlize Theron, Anne Hathaway e Rihanna.

Toast era un cane abbandonato,  salvato da un mega allevamento di cani di super razza del North Carolina, dove i cani non più utili o non venduti vengono scartati senza pietà. Toast, che è un King Cavalier Spaniel, è arrivato alla sua famiglia adottiva a New York, bellissimo ma un po’ malconcio. I denti non erano stati curati e li ha persi tutti!!! Da qui il suo caratteristico “sorriso” con la linguetta a penzoloni. La sua storia la racconta lui stesso nel suo blog TOASTMEETSWORLD.

Pongo, il cane milionario

Pongo.il.cane.milionario

 

 

 

 

 

 

 

L’ultimo film con un protagonista cane, Pongo, è da oggi al cinema.

Il film spagnolo, dal titolo originale Pancho, el perro millonario, vede protagonista un Jack Russell, che si avvia al successo e potrebbe diventare famoso come Uggie, il jackino del film The Artist, con tanto di red carpet a quattro zampe.

Pongo, come succede agli umani più fortunati, vince alla lotteria un’immensa fortuna. E, come capita in questi casi, tutto questo denaro gli darà alla testa, infatti inizierà una nuova vita di lussi e capricci. Malgrado i consigli del suo assistente personale (…!) Pongo si farà raggirare da persone senza scrupoli, con promesse che ricordano quelle del Gatto e la Volpe all’ingenuo Pinocchio. Dopo varie peripezie, Pongo verrà salvato dai suoi veri amici. E dunque, la morale della storia è che bisogna imparare a riconoscere i veri amici, perché questa è la vera ricchezza.

Il Cubo di Ruby a Milano

Ruby.Presidente.Secondazampa

Grande successo per la trasferta milanese dell’Augusto Presidente di Secondazampa, che è venuto a trovarci per presentare il suo libro autobiografico “Il cubo di Ruby“. Fans arrivate da tutto il nord Italia in coda per farsi “zampautografare” il proprio libro, la troupe di Radio Bau, giornalisti, amici umani e pelosi. Una vera festa e lui, il dolcissimo Ruby, si è concesso per tutte le foto e le carezze, stupito e felice dell’accoglienza calorosa. Lou&Mi gli ha preparato una selezione delle sue fette biscottate preferite, oltre ai cupcakes e biscotti diet per quadrupedi. Neanche a dirlo, tutti i libri sono stati venduti, e parte del ricavato andrà per il sostegno dei cani abbandonati nei canili lager, come appunto è stato Ruby per sette anni prima di trovare la sua meravigliosa famiglia.

Davide.Cavalieri.Radiobau Ruby.Secondazampa

Nelle foto, Davide Cavalieri con Federica e Sonja di RadioBau coccolano il Presidente, accanto a lui la sua umana.

Fotografie di Claudio Sforza.

 

 

La compagnia dei cani

A Londra è stata inaugurata una bellissima mostra fotografica di ritratti dal titolo The Company of Dogs.

Celebrities, cani e padroni famosi accanto a quadrupedi meno fortunati -e in cerca di una famiglia adottiva- tutti fotografati da Gerrard Gethings per raccogliere fondi per l’associazione inglese Dogs Trust. Tutte le foto fanno parte dell’asta benefica per supportare Dog Trust: fino al 29 marzo è possibile vedere le foto nella galleria PetsPyjamas per fare un’offerta e poterle acquistare.

Nella foto in alto: Cecil, il Boston terrier, Luigi il carlino e Tinka il chihuahua.

Sotto: Gladys e Storm. (All by Gerrard Gethings)

 

 

 

Belle e Sebastien

E’ uscito al cinema Belle e Sebastien, il film di Nicolas Vanier tratto dalla serie di racconti dell’autrice francese Cécile Aubry, già trasposta per la televisione negli anni Sessanta con una famosissima serie tv, riproposta poi anni dopo in versione cartone animato giapponese: uno dei più amati di sempre che ha appassionato milioni di bambini.  Il film racconta la storia d’amicizia e d’amore tra un bambino e un bellissimo e candido cagnolone, un pastore dei Pirenei. Una storia di fantastiche avventure e di grandi sentimenti, amicizia e amore per la natura. In Italia parte dei ricavi, dalla vendita dei biglietti, saranno devoluti all’OIPA, a sostegno delle attività di salvataggio e recupero di cani randagi o abbandonati.

Chi è cresciuto in famiglia con un cane sa che questo è un grande privilegio. ”Il valore educativo e formativo dell’amicizia tra cane e bambino, il superamento del pregiudizio verso ciò che non si conosce, il rispetto per tutti gli altri animali che abitano questo pianeta, la percezione della natura come parte integrante e imprescindibile della vita dell’uomo – spiega Massimo Comparotto, presidente di OIPA Italia – sono i messaggi chiave del film che si sposano con i valori dell’OIPA e che hanno spinto l’associazione a legarsi all’iniziativa charity che accompagna l’uscita del film nelle sale”.