Tag Archives: Diamoci la zampa

Aiutiamo i levrieri spagnoli!

I Levrieri sono cani che fanno parte di un gruppo antichissimo. Li troviamo nei dipinti dell’Antico Egitto, dove erano utilizzati per la caccia e come animali da compagnia. Il mito narra che accompagnassero la dea Artemide nella caccia e venivano raffigurati sulle monete della Grecia Antica. Il Galgo Spagnolo è una razza antica che fa parte della famiglia dei cani da caccia a vista. Del mezzo milione di levrieri registrati in Spagna, 50 mila vengono uccisi dai loro padroni dopo un’esistenza fatta di maltrattamenti di ogni genere. Vengono usati per la caccia e poi abbandonati, maltrattati se non torturati in modo barbaro da “antiche tradizioni”.

Il mio amico Bryan, con Amir nella foto, mi ha scritto questa lettera per fare conoscere a più persone possibili questa allucinante situazione che tutt’oggi si ripete in Spagna.

 ”Io sono Bryan, un galgo favorito dalla sorte! Quest’anno, come ogni anno, a conclusione della Temporada, la stagione venatoria spagnola, i miei fratelli abbandonati saranno in tanti.  Abbandonati dai loro proprietari, lungo le strade del rientro, lungo i campi. Soli, sofferenti, feriti. Chi non sarà più idoneo a cacciare sarà colpevole di disonorare il padrone, l’orgoglio del galghero, e verrà da questi impiccato. Gli altri saranno portati alle perreras, ai canili. Un galgo che viene mollato  al canile dal diretto proprietario, ha dieci giorni in cui ha la possibilità di essere adottato. Se questo non si verifica, viene allora soppresso. Per tutti gli altri e sono tanti, non sussistono possibilità, vengono sterminati all’istante!  Io, che vi porto a conoscenza di questi misfatti, sono uno che ha visto la morte da molto vicino. Che è riuscito però a saltare oltre il recinto infernale. Sono un galgo favorito dalla sorte, io!
  “Bryan’s Levrieri Rescue” è un’associazione di volontariato, nata con lo scopo di diffondere la situazione in cui si trovano i levrieri  ed allo stesso tempo garantire idonee adozioni ad ogni cane. Una squadra internazionale di persone che ha deciso di lavorare insieme per poter aiutare e salvare queste creature meravigliose.   

Per maggiori informazioni su come aiutarli o adottare:

Bryan Levrieri Rescue  e  SOS Levrieri

FacebookTwitterGoogle+Pinterest

Pet sharing: mi tieni il cane?

Da principio fu il car sharing, condividere la stessa macchina, usare una sola automobile invece che due da soli, per risparmiare sull’inquinamento oltre che sul traffico. Negli ultimi anni è stato un proliferare di file sharing, di condivisione reale e virtuale di attività di ogni genere, dallo scambio di case per le vacanze all’ospitalità reciproca tra sconosciuti, uniti da comunità virtuali in cui registrarsi e, appunto, condividere è il verbo. Condividere interessi e risparmiare in tempo di crisi. Nasce così per i nostri cani e gatti di casa PetSharing, la community di amici degli animali utile per scambiarsi ospitalità, per accogliere un amico quadrupede in casa propria e poter contare su qualcuno che ospiterà il nostro amico quando ne avremo bisogno. PetSharing cerca di garantire la migliore sistemazione possibile quando il padrone è in vacanza o ha impegni di lavoro e non può per vari motivi affidarlo ad altri. Tre amici amanti degli animali hanno creato questa piattaforma che in pochi mesi, da Firenze, ha acquisito ospiti da tutt’Italia. Il meccanismo è semplice: ci si iscrive al sito e si crea un proprio profilo personale; un pagina con foto e descrizione della casa e della famiglia, i contatti e -molto importante- i feedback sotto forma di recensioni. Potremo così leggere i commenti di chi, in precedenza, ha affidato un animale alle cure di quell’utente e ci racconterà l’accoglienza ricevuta. E’ una sorta di affido temporaneo, in cui ci si conosce e ci si ospita tra simili. Ed anche un gioco per i bambini che, oltre a coccolarsi il cane di casa, imparano l’ospitalità e la convivenza. Per scoprirne di più www.petsharing.it

Dogue:l'agenda del cane

Dogue, l’agenda del cane, si sta preparando per il 2012!

Metti la foto del tuo cane o del tuo gatto nelle pagine dell’agenda 2012: fai una foto e non aspettare ad inviarla, soprattutto se desideri che sia pubblicata in un giorno preciso, una data speciale. Oltre a presentare i nostri quadrupedi, l’agenda come sempre tratterà vari argomenti: da come scegliere i giochi a dove e come farli dormire, come intervenire in caso d’incidente, di allergie e d’intolleranze alimentari. Anche quest’anno questa iniziativa servirà per sostenere associazioni che hanno progetti concreti da sviluppare, per aiutare i più bisognosi.

Come fare? Manda la tua foto a info@louandmi.com e ti arriverà il modulo di prenotazione. Le foto devono arrivare ENTRO e non oltre il 30 ottobre e l’agenda sarà consegnata ai primi di dicembre.

Per ulteriori informazioni: www.notedog.it

Premio fedeltà


Un concorso storico si è svolto il 16 agosto a San Rocco di Camogli: il “Premio fedeltà del cane“. Il premio, istituito nel 1962 da Giacinto Crescini e Don Carlo Giacobbe, fu ispirato da un cagnolino di nome Pucci che, abbandonato dai padroni a San Rocco di Camogli, accompagnava i bambini e scuola, faceva ricreazione con loro e li attendeva fino al termine delle lezioni. La manifestazione è in onore di San Rocco, protettore dei cani da cui, si narra, fu nutrito quando fu contagiato dalla peste.

In questa occasione sono stati premiati ex aequo due cani: Ares e Cucciolo.
Ares è il nome di un dobermann di tre anni che ha salvato il suo padrone rimasto bloccato, ferito e semincosciente, sotto un cancello di oltre 200 chili che gli era caduto addosso in un campo: Ares lo ha prima tenuto sveglio leccandogli la faccia poi, sentendo un’automobile arrivare dalla strada vicina, è corso a rotta di collo per fermarla. All’inizio gli occupanti dell’auto erano spaventati, poi vedendo il cane scodinzolare e saltellare con agitazione ma senza apparire aggressivo sono scesi e l’hanno seguito fino al punto dov’era rimasto bloccato il padrone, sollevando a fatica il cancello e chiamando i soccorsi. Cucciolo invece è un meticcio di sei anni che accompagna il suo padrone all’ospedale di Asti: da un paio d’anni, ogni volta che il proprietario di Cucciolo deve effettuare un ciclo di terapie, il cane si accuccia nell’ingresso e aspetta pazientemente la fine della terapia, per ore e a volte per giorni, diventando così la mascotte dell’ospedale e confortando con il suo affetto il padrone. Premio speciale anche a Giada, un golden retriever che ha salvato un uomo che stava annegando ad Albisola, con la sua padrone Giulia, educatrice della scuola italiana cani salvataggio.

Un premio alla simpatia

Domenica scorsa al Parco Forlanini di Milano si sono ritrovati ben 200 quadrupedi per la ventesima edizione del Raduno Cani Simpatia, organizzato dall’associazione Diamoci La Zampa. Grandi e piccoli, di ogni stazza e colore, bastardini e grandi razze, tutti insieme per aiutare i meno fortunati.

Best in Show è risultata Yuma, dolce femmina di pitbull, scodinzolante compagna di un entusiasta ragazzino paraplegico. Nel corso delle prove applausi e sorrisi hanno accompagnato le esibizioni dei cani più indisciplinati, anch’essi premiati con “attestati di disobbedienza”. Molti i premiati, 25 coppe dai titoli più bizzarri.  Così, tra i vincitori, ci sono Stich, di Damiana Derosa, cha sfilato come un terremoto e ha conquistato il Premio Skizzo per la velocità di sfilata. La manifestazione ha avuto anche i suoi momenti commoventi, come con Selly, da 17 anni accompagnatrice a quattrozampe di Giorgio Marini, che ha ricevuto il Premio Fedeltà, mentre Toby, ex randagio dello Zambia, adottato e portato a Milano dalla sua salvatrice Silvia Missiroli, è stato premiato con la coppa del Più fortunato trovatello”. Loren è stata premiata come la Più simpatica adottata da un rifugio”. Questi premi sono un ringraziamento alle famiglie che, con l’adozione, hanno compiuto un gesto di generosità ricavando affetto per la vita intera. Ma tanti altri hanno vinto le ambite coppe: come Lola, ex terremotata dell’Abruzzo adottata da Antonella Maccarato, che ha guadagnato il Premio Grand e Gross superando di misura Tontolo, di Maddalena Luisa, che ha messo le enormi zampone sul secondo posto delle Taglie forti, Bauci, di Carmine Carbone, che si è aggiudicata la targa di più scavezzacollo cucciolo in gara, Pluto, di Adriano Ciscato, che ha portato a casa il trofeo per le taglie mini, Vale, di Marco Sangermani, vincitore nella categoria “Pesi Medi”; tutti sono stati premiati da Alba Perrone, presidente di Diamoci La Zampa, da Marco Moresco di Pets&theCity, da Davide Cavalieri di Radio Bau, da Lidia Cannatella di Topolino e dalla mascotte dell’associazione, Erica, la più piccola volontaria dell’associazione.
“Si è trattato di una sfilata canina insolita” commenta Edgar Meyer, portavoce di Diamoci La Zampa, “senza giuria in giacca e cravatta, e senza cagnetti obbligati a sfilare con eleganza e formalità: una vera e propria allegra brigata. La festa, occasione di gioco e divertimento, ha dato anche l’opportunità di parlare di abbandono, prevenzione del randagismo, iscrizione all’anagrafe canina e obbligo del microchip: gli unici metodi, questi ultimi, per ritrovare il proprio beniamino nel caso di smarrimento”. L’augurio è che la simpatica atmosfera dello spettacolo abbia stimolato negli spettatori un risveglio delle coscienze e fatto nascere un po’ di rispetto per quei cani che non vantano parentele illustri o discendenze documentate, ma, al pari dei fratelli blasonati, hanno un insopprimibile istinto di fedeltà per il loro padrone.

Dumbo red-carpet

dèfilée

Domenica 20 settembre, presso il Parco Forlanini di Milano (ingresso via Taverna), si terrà una sfilata canina organizzata dall’associazione Diamoci la zampa in favore dei cani abbandonati e contro il randagismo. Molteplici i premi messi in palio, dal premio “Grand e Gross” per il cane di taglia grande più simpatico al premio “Dumbo” per chi avrà le orecchie più lunghe e… il premio “Panzerotto” per il più cicciottello. Particolare attenzione viene data poi ai trovatelli con i premi “Più simpatico adottato da un canile” e “Più simpatico adottato dalla strada”. Le iscrizioni verranno raccolte dalle 12.00 alle 14.00.

Cosa state aspettando? La Lou sta già facendo le prove!!


In caso di pioggia l’iniziativa sarà rinviata alla domenica successiva.

Per maggiori info: 333.8350786 – 347.2549083 – www.diamocilazampa.it