Tag Archives: Enpa

Abbandonare è un reato, infame e inutile

antiabbandono2016_3

L’estate è cominciata e insieme alle vacanze iniziano gli abbandoni. Sembra incredibile, a noi che amiamo gli animali, ma ancora oggi in Italia il fenomeno dell’abbandono di animali domestici è una piaga che ha i suoi picchi in questa stagione, proprio prima delle partenze per le vacanze. Cifre sottostimate calcolerebbero in 130.000 gli animali abbandonati ogni anno: circa 50.000 cani e circa 80.000 gatti che per la maggior parte vengono lasciati al loro incerto destino proprio durante l’estate. A morire di stenti, sete, fame, o sotto una macchina procurando anche danni ad umani malcapitati.

Abbandonare un animale è un reato, infame e inutile. La campagna di prevenzione e sensibilizzazione dell’ENPA, quest’anno vuole rivolgersi non solo ai proprietari di animali, ma anche a potenziali testimoni. “Abbandonare è crudele, comporta un costo sociale e costituisce un rischio per tutti. Qualche progresso, a livello culturale, rispetto al passato come Paese l’abbiamo fatto, ma il fenomeno continua a rappresentare un problema che va affrontato. Chi abbandona un cane o un gatto commette un reato” ricorda Massimo Moffa coordinatore ENPA Regione Campania, che precisa anche “l’art. 727 del Codice penale, come modificato dalla legge 189/2004, stabilisce che chiunque abbandoni animali domestici è punito con l’arresto fino ad un anno o l’ammenda da 1000 a 10.000 euro.

“Il contrasto agli abbandoni, e dunque al randagismo, passa non soltanto attraverso la repressione di quello che, è bene ricordarlo, è un reato – sottolinea l’ente – ma soprattutto attraverso la sensibilizzazione e la responsabilizzazione dei cittadini, proprietari di animali e non”.

 

FacebookTwitterGoogle+Pinterest

Farmaci generici per animali

dog vaccination

 

 

 

 

 

 

 

 

Curare gli animali è un diritto-dovere: non può e non deve essere considerato un lusso per pochi. Le cure e le medicine veterinarie costano ed in certi casi diventano veramente onerose, specie per chi ha adottato più di un animale, magari problematico, e deve fare i conti con il budget familiare. Per questo motivo l’Enpa ha lanciato una petizione online al Ministero della Salute per rendere disponibili i farmaci generici anche per gli animali.

L’Enpa denuncia i prezzi esorbitanti dei farmaci veterinari e chiede di rendere obbligatoria la prescrizione medica del principio attivo e non la marca del medicinale, anche in veterinaria. La procedura sarebbe la stessa prevista oggi per i medici di base.La legge, oggi, prevede che i veterinari non possano prescrivere farmaci per uso umano nel caso in cui in commercio siano disponibili farmaci ad uso veterinario uguali. Il medico veterinario può prescrivere l’uso in deroga di medicinali umani, sotto la sua diretta responsabilità, solo nel caso in cui non esistano farmaci veterinari destinati a curare la stessa patologia.

Ma certi farmaci veterinari costano il doppio degli equivalenti umani, per le stesse patologie. E se un veterinario consiglia ad un proprio paziente un farmaco generico per umani ad oggi rischia fortissime penali.

Per saperne di più e firmare  petizione farmaci generici per animali  Noi abbiamo già firmato, fatelo anche voi!

 

Contro l’abbandono

cucciolo. abbandono ENPA

Al via la nuova campagna contro l’abbandono “Non lasciare che le sue vacanze finiscano qui” promossa dall’ Ente Nazionale Protezione Animali. “La scorsa estate - spiega Marco Bravi, responsabile Comunicazione e Sviluppo Iniziative Enpa – abbiamo raccolto ed elaborato importanti dati sugli abbandoni in autostrada che evidenziano come il fenomeno sia ancora piuttosto vasto, soprattutto nel mese di agosto e in alcune Regioni più che in altre: cani e gatti continuano ad essere abbandonati in vista delle vacanze estive. Per questo - continua Bravi - Enpa lancia un importante messaggio sociale, sottolineando che l’abbandono non può essere un’alternativa, mai”.

Il 5 e 6 luglio avrà luogo la seconda edizione della Giornata Enpa contro l’abbandono: i volontari dell’associazione saranno presenti nelle maggiori piazze italiane impegnati in attività di informazione e sensibilizzazione su questo importante tema (tutte le piazze su www.enpa.it ). La nuova campagna (pagine stampa, spot radio, locandine, video e banner) saranno diffusi a partire dal 15 giugno fino al 31 agosto.

Per maggiori informazioni:
Centro Nazionale Comunicazione e Sviluppo Enpa
email: media@enpa.org – www.enpa.it

 

 

No ai test animali, primo passo in Brasile.

In Brasile non è più possibile testare cosmetici e detergenti sugli animali. Il governatore dello stato brasiliano di San Paolo, Geraldo Alckmin, ha vietato la sperimentazione sugli animali per testare i prodotti di bellezza. La legge però non comprende il divieto di test di farmaci sugli animali, che sono così garantiti per la ricerca dei medicinali. E’ comunque un primo passo importante contro la sperimentazione animale, soprattutto pensando che il Brasile è uno dei maggiori esportatori di cosmetici al mondo.

La nuova legge è una conseguenza del divieto imposto nel 2013 dall’Unione Europea all’importazione di prodotti di bellezza testati su animali.  Alckmin ha dichiarato: “Questa legge è il frutto di studi sulle legislazioni internazionali e di incontri con enti per la difesa degli animali, scienziati, ricercatori, veterinari, medici e biologi. Il fattore determinante è la protezione degli animali, i più indifesi, ed evitare loro qualsiasi crudeltà”.

 

Mai dire bau: una festa da cani

Un evento fatto dai cani per i cani e i loro migliori amici… umani.

È questo lo slogan di MaiDireBau la manifestazione interamente dedicata a tutti i cani d’Italia che si terrà domenica 16 settembre a Parma. Per questa seconda edizione l’obiettivo sarà, oltre a far divertire gli amici a quattro e due zampe, un modo per sensibilizzare, promuovere e sostenere la lotta contro l’abbandono e una corretta adozione del cane in famiglia

Organizzato da Just in Time, Edicta Eventi, Associazione Bassotti, con la collaborazione di RadioBau e diverse Onlus, la manifestazione sarà l’occasione per raccogliere fondi e materiale necessario per la cura dei cani. Una giornata piena di eventi, giochi e concorsi. Dagli incontri formativi dedicati alla salute del cane, alla sua alimentazione e educazione, ai workshop che insegneranno ai padroncini più piccoli il modo corretto per affrontare la vita insieme all’amico a quattro zampe e il giusto approccio nei suoi confronti. Spazio alla pet therapy e alle dimostrazioni pratiche sulle tecniche di ricerca e salvataggio persone disperse. Per gli sportivi dagli 0 ai 90 anni la maratona a 6 zampe. Per i vanesi di ogni razza e foggia, il concorso di bellezza (con premi per i cani più belli e simpatici e gadget per tutti) organizzato dall’Associazione Bassotti… e poi più. I cani fashion invece saliranno in passerella per una sfilata di moda. Per maggiori informazioni: Maidirebauparma

A Parma domenica 16 settembre presso il Parco Falcone-Borsellino, dalle 9 alle 20.

 

Un cane non è un pacchetto

Le sorprese spesso sono pericolose, sia per un regalo inaspettato -o inadeguato- sia per un acquisto azzardato. Regalare un cucciolo a Natale deve essere una scelta ben ponderata: un cane non è un giocattolo, è un impegno per tutta la vita, la sua vita e un bel pezzo della nostra. Ma con l’arrivo di Babbo Natale c’è il rischio di cuccioli comprati come fossero peluche e a volte comprati come “occasioni”, cani di razza a prezzi di saldi. Truffe vere e proprie grazie all’allucinante traffico illecito, una rete criminale di allevatori e complici per un traffico di circa 400mila cuccioli all’anno (quelli che sopravvivono). L’acquisto responsabile è anche un freno al traffico illecito ed ai maltrattamenti.

La regola è quella di verificare sempre la riconoscibilità del venditore: «No agli acquisti online da persone estranee – raccomanda Cristina Avanzo, vicequestore del Corpo Forestale dello Stato, responsabile del Nirda (Nucleo investigativo reati in danno agli animali) - delle quali si conosce solo il numero di telefono. E guai agli scambi in autostrada, senza poter risalire all’allevamento e ai genitori dell’animale». E’ indispensabile, inoltre, richiedere subito la documentazione sanitaria che certifichi la corretta profilassi. Le cautele, però, non sono mai troppe: «Consiglio di tenere il cucciolo sotto controllo nei primi dieci giorni – suggerisce la responsabile del Nirda – e, se dovesse manifestare sintomi di malessere, di consultare il veterinario di fiducia. Spesso, gli esemplari di provenienza illegale sono imbottiti di antibiotici, ma non curati in modo adeguato».

Il paese leader del commercio fuorilegge è l’Ungheria, dove molti agricoltori si sono riconvertiti lucrando sullo spaccio di animali, con la complicità di veterinari corrotti. Le razze più gettonate sono chihuahua, carlino, pincher. In ascesa gli esemplari di taglie più grandi, come labrador e San Bernardo, che possono rivelarsi poco sicuri: «Se strappati alla madre prima dei due mesi – spiega la Avanzo – non sono ancora stati educati a mordere senza ferire. Lo fanno per gioco, tra fratelli, ma la mancanza d’imprinting materno può essere rischiosa». Tra gli esportatori di «batuffoli» sotto banco avanzano la Polonia e le ex repubbliche sovietiche, come la Slovenia. Il business, infatti, è fiorente: un cucciolo con documenti e microchip si vende a 50 euro, per schizzare a 400 su Internet e a 1.000 nei negozi (1.200 per quelli nazionalizzati). Circa il 40%, vuoi per lo svezzamento precoce vuoi per il viaggio estenuante, non sopravvive al trasporto.

I maltrattamenti, malgrado le sanzioni, non si fermano: «La legge numero 201 del 2010 – sottolinea il vice questore – punisce anche l’acquirente, se riceve un animale trafficato illegalmente». Le pene sono severe: reclusione da tre mesi a un anno e multa da 3mila a 15mila euro, con aggravante se il cucciolo è di età inferiore a 12 settimane. Vero che i sequestri sono in aumento, al ritmo di mille l’anno in tutta Italia, ma gli escamotage si fanno sempre più raffinati: «Se a svolgere i controlli su strada è la Guardia di Finanza – osserva la Avanzo – potrebbe non avere competenze specifiche». Altro tema spinoso è quello della cura e dell’affido dei cuccioli requisiti: «Prima di essere inseriti in un circuito familiare – ricorda la dirigente del Nirda – devono seguire la profilassi. A disporre l’affidamento è il magistrato, mentre noi verifichiamo che vi siano tutti i requisiti di legge, ovvero nessun precedente per maltrattamento». Una soluzione alternativa sono i canili: «Ospitano animali di tutte le età. Adottarne uno a Natale – esorta il vice questore – sarebbe un bel gesto, oltre a ridurre i costi per la collettività».

(da Maria Egizia Fiaschetti/Corriere della Sera 9.12.2011)

Viaggiare da cani

Viaggiare in treno sarà sempre più complicato: è entrato in vigore il nuovo orario invernale di Trenitalia da cui sono stati sospesi molti degli attuali convogli di classe Intercity su cui sono ammessi i gli animali domestici, senza restrizione di taglia. Su questi treni, Intercity e regionali, non sarà più possibile viaggiare con il cane a meno che non sia di piccola taglia, da poter viaggiare in un trasportino che misuri al massimo 70x50x30 centimetri. Un po’ come per salire in cabina dell’aereo, i cani dovranno mettersi a dieta o fingersi piccoli piccoli, perchè da una taglia media in su non potranno più viaggiare in treno. I proprietari di cani più grandi di un chihuahua o di un jack russell saranno obbligati a viaggiare in auto.

Una ricerca condotta dall’Enpa, immedesimandosi nell’utente che deve prenotare un viaggio di lunga percorrenza per sè e per il proprio amico a quattro zampe, denota come si sarà costretti a rassegnarsi a combinazioni improbabili, con più cambi e tempi molto più lunghi. «E’ una situazione non degna di un Paese civile – tuona Carla Rocchi, presidente dell’Enpa -. L’ad delle Fs, Mauro Moretti, si era personalmente impegnato con noi e con il precedente governo a garantire ai proprietari di animali la possibilità di viaggiare con Trenitalia. Forse si è rimangiato la parola. Le limitazioni già oggi in vigore sono penalizzanti per chi si muove con un cane al seguito; quello che accadrà tra qualche giorno sarà la violazione di un diritto fondamentale, la libertà di circolare sul territorio nazionale. Il regolamento va modificato. Se le cose non cambieranno siamo pronti a portare la questione fino alla Corte europea dei diritti dell’uomo».

 

 

Il lusso di essere un cane


Cani e gatti nel redditometro: come avere una Ferrari o chissà quale gioiello, un bene, appunto, di lusso che deve essere tassato. Ma gli  animali non sono un bene di consumo, di lusso o no, e probabilmente chi ha avuto questa bell’idea non ha mai avuto un animale in famiglia, non si è mai preso cura di un gattino trovato sotto l’auto (di lusso?) nè di un cane bisognoso di cure veterinarie. Siamo al surrealismo fiscale. E’ l’ennesima allucinazione del Fisco nazionale, un quadro visionario, degno della ribellione descritta nella Fattoria di George Orwell”. Lo dichiara Marco Melosi, presidente dell’ANMVI, l’associazione nazionale dei veterinari, dopo la presentazione all’Agenzia delle Entrate del nuovo redditometro sperimentale che include fra le sette categorie del redditometro anche le spese veterinarie.

Melosi ricorda che Per la tutela animale l’Italia vanta una legislazione che offre a questi ‘esseri senzienti’ le più alte garanzie di tutela penale. Si mobilitano ministri e parlamentari, si sprecano le affermazioni di principio, si scomoda persino il Patrono d’Italia. Ma è una ipocrisia. Il Governo italiano continua a lucrare sugli animali da compagnia, a considerare il cavallo un indicatore nel reddito, a ridurre le detrazioni sulle spese veterinarie per cani e gatti, ad aumentare le tasse portando l’Iva ai massimi livelli storici (21%) sul loro cibo e sulle cure mediche degli animali da compagnia, inclusi furetti, conigli e criceti che sempre più numerosi popolano le case degli italiani. (…) Per lo Stato italiano la capacità senziente degli animali è stata interpretata come capacità tributaria e di patire la peggiore vessazione fiscale di tutta Europa”.

Questo mentre il Parlamento Europeo incoraggia le misure veterinarie per combattere il randagismo; il Trattato di Lisbona considera gli animali esseri senzienti e la Commissione europea legifera in favore della sanità animale e finanzia il benessere animale. Sulla carta, ricorda l’Anmvi, lo Stato tutela gli animali di affezione al fine di tutelare la salute pubblica e l’ambiente (Legge 281/1991), codice penale, codice della strada e altre leggi regionali prevedono la tutela dell’essere animale. Ma chi paga per loro deve pagare di più. Se un sacco di “persone” si liberano degli animali perchè scomodi per andare in vacanza, figuriamoci se, oltre a pagare le spese veterinarie, devono pure pagarci una tassa in più. L’abbandono è assicurato.


Bellezza senza test


Tutte le associazioni animaliste europee unite nella campagna per l’abolizione dei test sugli animali: parliamo dei test cosmetici, per provare una crema e uno smalto, tanto per dire. Ma non si può fare in altri modi? Noi quadrupedi amiamo le nostre mami belle ma non per questo vogliamo che qualcuno di noi soffra come una cavia. La buona notizia è che i  test cosmetici potrebbero essere sperimentabili sulla pelle sintetica, in modo di evitare di agire contro i poveri ”animali di laboratorio”. Un gruppo di ricercatori sta studiando questa opportunità per evitare la crudeltà degli esperimenti. La cattiva notizia è che la data del 2013, fissata per porre fine a questi test, potrebbe essere ancora una volta rimandata.

Il 13 settembre la Commissione Europea ha presentato la relazione annuale sui metodi alternativi alla sperimentazione animale nel settore cosmetico al Parlamento Europeo e al Consiglio dell’Unione che dovranno decidere le sorti finali. Purtroppo sta prendendo in considerazione l’idea di rimandare l’entrata in vigore del divieto, nonostante l’opinione pubblica e le associazioni animaliste abbiano dimostrato di essere fermamente contrarie alle sperimentazioni sugli animali.

Negli ultimi anni sono stati molti gli sforzi economici, politici e scientifici per lo sviluppo di test sostitutivi all’uso di animali, i quali, oltre al vantaggio etico, sono anche migliori sotto il profilo scientifico e quindi anche più sicuri per i consumatori. Sul mercato sono già disponibili più di 20.000 ingredienti cruelty-free. Da questa disponibilità e dalle richieste avanzate dai cittadini nasce lo standard internazionale “stop ai test su animali” gestito in Italia dalla LAV e controllato da ICEA, che garantisce l’eticità dell’intera filiera di produzione. Per firmare contro i test e saperne di più: la campagna della LAV.

Luna e Lola

Luna è un golden retriver e Lola una bassottina. Hanno vissuto insieme 8 anni, tra passeggiate al Central Park, corse e giochi sulle spiagge degli Hamptons. E intanto la loro mami li fotografava: Priscilla Rattazzi, fotografa da sempre appassionata di cani tanto da aver già pubblicato un libro di ritratti con padroni famosi (da Gianni Agnelli, suo zio, ad Alberto Moravia) ha presentato a Milano, nel negozio Ralph Lauren, il suo libro Luna&Lola.

150 foto scattate in sei anni, tra New York e gli Hamptons, nei luoghi dove vive la fotografa con i suoi cani. Scatti come un diario di famiglia, tra gioie e dolori: Luna la golden infatti non c’è più, ed ora la piccola Lola ha un nuovo compagno biondo, Leo. Il 15% del ricavato della vendita del libro -disponibile in Italia solo presso Ralph Lauren- e di alcune immagini tratte dal percorso iconografico del volume, verrà devoluto al canile dell’ENPA di Monza.

(da Vogue.it del 15 ottobre)